Durante il trasferimento da Rio Gallegos a El ChaltÚn incontriamo molti guanachi. Il primo incontro ci emoziona, dopo qualche giorno li considereremo alla pari di pecore. Anche se selvatici, sono abituati alle auto e alla presenza di uomini e pecore.
Facciamo base a El ChaltÚn per escursioni allla Laguna del Desierto, al FitzRoy e al Cerro Torre.

El ChaltÚn Ŕ il nome indigeno (= montagna che fuma) del Monte FitzRoy, che era considerato come una divinitÓ.

Gli ultimi chilometri verso El ChaltÚn. Appaiono il FitzRoy, a destra e, al centro, il profilo aguzzo del Cerro Torre
.. lezioni di geologia ...
Escursione verso la Laguna degli huemules (una varietÓ di cervi).

Gli huemules non si vedono, ma il bosco di faggi Ŕ splendido. I faggi locali  sono molto diversi dai nostri. In questa zona ci sono due varietÓ di Faggi: Il Lenga, Nothofagus pumilio (in genere albero ad alto fusto) e il Nirre, Nothofagus antarctica (in genere alberello o arbusto).

I boschi sono pieni di vecchi tronchi caduti

 

Un vecchio tronco di Lenga perforato dal picchio.

I picchi sono comuni e si lasciano vedere al lavoro con facilitÓ.

Purtroppo la macchina fotografica non ha un buon tele

La Laguna del Desierto battuta dal vento che solleva in lontananza nuvole d'acqua.

Qui il vento Ŕ una costante: ha due modalitÓ: forte e fortissimo.

Il lago si raggiunge in auto a circa 25 km a nord di El ChaltÚn e rappresenta il punto  di partenza per escursioni.

Alba a El ChaltÚn con il sole che illumina il FitzRoy. Secondo l'albergatore una giornata cosý capita poche volte in un anno.

Vista la bellissima giornata partiamo per un'escursione verso il FitzRoy

 

La gita parte dall' osteria del Pilar (punto 5 sulla mappa), costeggia  tutto il versante orientale del gruppo del FitzRoy, raggiunge il campo base Poincenot e raggiunge, con una salita su morena, la laguna de Los Tres e la vicina laguna Sucia  alla base del ghiacciaio del FitzRoy. Alla fine, cammina cammina, si ritorna a El Chalten.

 

GiÓ all'inizio del sentiero lo scenario Ŕ bellissimo.

Per fortuna il tempo si mantiene spettacoloso per tutta la giornata, permettendoci una gita  di grande soddisfazione.
Tutta la gita si svolge in vista del FitzRoy e del suo ghiacciaio.
Attraversamento del rio Blanco in vicinanza del campo base Poincenot
... manca molto ?
Arrivati in cima alla morena lo spettacolo Ŕ notevole
Quando il vento non esagera si sta bene al sole a godersi il panorama
Il vantaggio delle morene Ŕ che i sassi  levigati dal ghiaccio sono ottimi sedili
Anche verso la valle del Rio Blanco il panorama Ŕ bellissimo
Vista sulla Laguna de Los Tres.
Il FitzRoy e la Laguna del Los Tres
Le guglie spettacolari del gruppo del FitzRoy dalla laguna de Los Tres
La Laguna de los Tres e la adiacente Laguna Sucia sono alimentate dal ghiacciaio. Dalla laguna Sucia nasce il Rio Blanco
a sinistra della Laguna de los Tres e pi¨ in basso,  la Laguna Sucia. Sucia vuol dire sudicia, ma sembra abbastanza pulita!
L'acqua di fusione del ghiacciaio con una serie di cascatelle alimenta la Laguna Sucia
Dal sentiero verso El ChaltÚn nella luce del pomeriggio.
El ChaltÚn. Poche case, spesso poco pi¨ di baracche, lungo  strade sterrate dove il vento solleva la polvere. E' la capitale del trekking.
Un'altra buona giornata per la gita verso il cerro Torre. 

Raggiungeremo la Laguna Torre con un vento esagerato. 

Arriviamo a un belvedere
Da dove la vista sul Torre Ŕ bellissima
La Laguna Torre. Qui il vento Ŕ esagerato e il Torre si Ŕ nascosto tra la nuvole
 
Nel pomeriggio le nuvole avanzano e nasconderanno le cime
Lasciamo El ChaltÚn e in auto ci dirigiamo verso El Calafate, la cittadina pi¨ importante della zona, sul versante meridionale del lago Argentino. Giornata limpida e ventosa con le nuvole che si stagliano in un cielo straordinario.
Il Calafate. Pianta-simbolo della regione. E' come la Fontana di Trevi: chi ne mangia tornerÓ. Produce molte spine e delle bacche dal sapore dolce-asprigno gradevole. (I mirtilli sono meglio !). Ci fanno la marmellata.
Il Ghiaccaio Perito Moreno termina nel Lago Argentino. Non sembra, ma il fronte Ŕ alto circa 100 metri! Il ghiacciaio si estende nella foschia a perdita d'occhio. 
In realtÓ Ŕ una propaggine del gigantesco Campo de Hielo Patagˇnico Sur, la pi¨ grande massa di ghiaccio dopo Antartide e Groenlandia.
Un ruscello nel bosco accanto al lago Argentino
Una passerella di legno permette di avvicinarsi al fronte del ghiacciaio.

E' straordinario vedere una vegetazione rigogliosa di alberi e fiori a pochi metri da una massa di ghiaccio enorme.

Il Ghiacciaio Perito Moreno Ŕ uno dei tre ghiacciai della Patagonia che non si stanno ritirando. Periodicamente il ghiacciaio avanza nel Lago formando una diga naturale che separa le due metÓ del lago. Il livello dell'acqua della parte del  Brazo Rico pu˛ salire di oltre 30 metri rispetto al consueto livello del lago. La pressione prodotta da questa massa d'acqua finisce per rompere la barriera di ghiaccio che la ostacola, dando luogo a crolli spettacolari
 

 

Questo Ŕ il punto che periodicamente viene ostruito dal ghiacciaio. Attualmente l'ostruzione Ŕ quasi completa.
Dal ghiacciaio continuamente si distaccano blocchi di ghiaccio pi¨ o meno grandi.

I blocchi di ghiaccio possono essere icebergs (TÚmpanos) di forme spettacolari.

Navighiamo su Lago Argentino ammirando i TÚmpanos
..... che al sole brillano di colori stupendi .....
Lasciamo El Calafate costeggiando laghi azzurri, per puntare verso il Cile e il Parco delle Torres del Paine.